site-logo

Favoloso Fedi E Matrimonio Agenzie Musica Campania - Orchestra Swing

Fedi e matrimonio - La storia dei gioielli di cerimonia nuziale è legata all'universale extra certamente uno degli "usi" degli anelli come simbolo di qualche cosa. Gli antichi egizi, ad esempio, si saldarono agli anelli dei sigilli raffiguranti scarafaggi e geroglifici, mentre i greci indossavano perle d'oro con cammei o incisioni. Un certo numero di romani storici l'uso di quei gioielli era regolato dal regolamento: gli anelli di cittadini slanciati erano d'oro, quelli degli schiavi liberati d'argento e quelli degli schiavi di ferro. Persino i cristiani hanno preso rapidamente l'abitudine di usare questi gioielli e dal centro età in poi l'esercizio della trasformazione in anello di re e vescovi viene adottato nel corso del rito dell'incoronazione o della consacrazione. Storicamente, i papi ricevono comunque il cosiddetto "anello piscatorio", usato per sigillare le epistole papali, e sono danneggiati dalla morte del pontefice. La popolarità di questo tipo di ornamento raggiunse il suo apice nel xvi secolo, una durata in cui divenne caro mettere su ogni dito uno o più gioielli, dotati di un sigillo o abbelliti con pietre. Le fedi nuziali sono il simbolo del matrimonio. Dal cerchio che brilla sull'anulare sinistro, al disegno delle 2 fedi che arricchisce il matrimonio, favorisce le carte o gli inviti di nozze, tanto quanto la decorazione della torta nuziale, le fedi sono uno dei baluardi del matrimonio. Le fedi e gli orecchini di fidanzamento hanno origini lontane: nei tempi più storici, per tutta la durata della cerimonia nuziale, un cerchio si è trasformato in tracciato sul terreno attraverso la coppia come un segnale di accurata fortuna. Più tardi quel cerchio è cambiato in un anello: la fede. Coerentemente con uno stile di vita medievale, tuttavia, la sposa del destino che voleva garantire un amore eterno intrecciava un filo dei suoi capelli e uno in tutto il suo amato intorno ad un anello di diamanti, lo portava sul cuore della coronaria per nove giorni e prima o poi lo dava al futuro marito. Nel corso del periodo romano, l'anello di fidanzamento, denominato "anulus pronubus", divenne eccezionale, che servì a suggellare la promessa del matrimonio, dall'anello nuziale, chiamato "vinculum". Il vincolo romano, fabbricato in ferro (quasi mai oro o argento) cominciò a essere indossato meglio usando gli uomini, ma rapidamente si trasformò in esteso anche nelle ragazze. L'usanza, ogni uomo e ogni donna, di indossare un anello dopo il matrimonio fu completamente installata all'inizio del 16 ° secolo, anche se la dipendenza dall'incisione dei nomi della coppia e la data del matrimonio al suo interno risale al diciottesimo secolo. L'uso dell'oro per la creazione di fedi è dovuto all'impatto cristiano, quindi l'oro è stato di solito un'immagine dell'eternità: non è affatto torsione del destino che l'oro sia lo sfondo delle icone e delle decorazioni di molte chiese e degli aloni di i santi sono d'oro. In questi giorni un numero crescente di fedi viene usato in oro bianco o acciaio, ma se gli sposi sono autorizzati a scegliere il tipo di fede, non si può stabilire l'eguale approssimativamente "in cui metterlo": la fede deve essere messo sull'anulare a sinistra. Un'abitudine che ha origini specifiche: la prima forse deriva da un rito storico della liturgia cattolica, quando il celebrante, toccando le prime 3 mani della mano sinistra, dice: "nel nome del padre, del figlio e dello spirito santo ... "L'anello, così benedetto, dentro il quarto dito della mano dei coniugi. Il secondo chiarimento è extra romantico: in armonia con i romani, ma anche gli storici egizi, dal dito del cerchio potrebbe passare la "vena amoris" (vena d'amore) che porta senza indugio al cuore delle corone: legare la base del hoop il carattere sigillato una dedica alla costanza sentimentale. Anche popolare è la leggenda, probabile dell'origine della lingua cinese, coerente con cui ogni dito della mano rappresenta una figura familiare della nostra esistenza. I pollici del papà e della mamma, l'indice dei fratelli, il medio, le dita del telaio, l'alternativa 1/2 e il mignolo i bambini. Rispecchiando le mani insieme, con i medi piegati, noterai che tutte le braccia possono essere staccate per le mani del telaio. ? chiaro perché: l'unione con l'altra metà è indissolubile ed eterna. Lo scambio di fedi è il frutto del rituale del matrimonio, uno in cui l'ansia emotiva sale alle celebrità, fino al fatidico "io rivendico marito e moglie". Ma perché un anello al dito emerge come l'immagine frequente del matrimonio? La frase "anello" deriva dalla parola latina "anellis", questo è "cerchio", una determinazione che ha sempre rappresentato perfezione, completezza, unione, ciò che non ha smash e cesura, il logo di ciò che non ha né inizio né fine , formato usando una singola riga le cui estremità sono riunite per cancellare ogni differente.

Guarda più idee relative di fedi e matrimonio